Business post pandemia: ritorno alla normalità o ascesa del virtuale?

Le riunioni virtuali sono state un punto fermo per molte aziende nell’ultimo anno. 

Le aziende utilizzano la tecnologia, ora più che mai, per comunicare, lavorare insieme e persino per costruire relazioni di squadra. 

Mentre i luoghi di lavoro iniziano ad aprire di nuovo, molte aziende stanno contemplando se tornare alla normalità o continuare con le conferenze e riunioni virtuali.

Nel corso del 2020, il business ha assistito ad una rapida trasformazione digitale in molti settori, ma è in corso un vero dibattito sull’opportunità di proseguire indefinitamente le procedure aziendali virtuali. Mentre alcuni potrebbero ritenere essenziale adottare completamente programmi di lavoro a distanza, infatti, altri garantiscono comunque riunioni faccia a faccia.

Ci sono molti fattori positivi a favore della continuazione degli eventi virtuali. Nel mondo post pandemia, infatti, gli imprenditori sono preoccupati per la sicurezza dei loro dipendenti, per non parlare della cancellazione di eventi organizzati. 

Ecco alcuni dei vantaggi di ospitare una conferenza virtuale:

 

  • Massimizza la partecipazione:

    ad una conferenza virtuale si possono invitare persone da tutto il mondo senza limitazioni di posizione. I partecipanti virtuali possono connettersi con eventi dal vivo e persino guardarli il giorno successivo se i fusi orari rendono difficile la visione dal vivo.

  • Riduce i costi:

    le grandi conferenze possono costare una fortuna per l’affitto di spazi, cibo, bevande e precauzioni di sicurezza. Le conferenze virtuali sono più facili e rapide da organizzare e offrono comunque il contenuto dell’evento senza rischi e complessità. I partecipanti virtuali, inoltre, possono inviare domande e commenti mentre l’oratore sta parlando per creare un evento interattivo.

  • È facile da configurare:

    i nuovi sistemi facilitano la configurazione e l’organizzazione di eventi. Con un processo di eventi semplificato, si possono programmare più eventi e raggiungere gli obiettivi con molti meno problemi. Le conferenze virtuali, insomma, potrebbero far risparmiare tempo e denaro.

  • Una soluzione sostenibile:

    le conferenze virtuali significano meno viaggi aerei e terrestri e minori emissioni di carbonio. I consumatori più giovani stanno anche iniziando a prestare attenzione al modo in cui un’azienda si relaziona all’ambiente e alle pratiche eco-compatibili. Partecipare a conferenze rispettose dell’ambiente potrebbe migliorare l’immagine e la reputazione del marchio.

Oltre la pandemia: faremo ancora colloqui in presenza?

Scegliere di condurre un colloquio online o l’intero processo di selezione, come abbiamo imparato nel 2020, è una soluzione valida perché ci permette di risparmiare tempo, risolvere problemi di natura logistica e portare innovazione, fornendoci elementi che, diversamente, non otterremmo.

Quanto abbiamo imparato in anni di esperienza “in presenza” rimane valido: anche per i colloqui da remoto le parole chiave sono comunicazione e trasparenza, dell’offerta e delle modalità di selezione. In un processo di selezione virtuale è bene strutturare il processo e comunicarlo. Questo non solo ci aiuta ad essere più efficaci, ma alleggerisce anche un potenziale stress per le persone candidate. Dare feedback al candidato o alla candidata, durante e non solo a fine processo, e chiedere allo stesso modo feedback concreti e precisi sul nostro operato, è un altro importante fattore che ci permette di aumentare le nostre performance. Infine, è bene tener presente inoltre che anche chi si relaziona con noi può utilizzare tecnologie come i social per prendere informazioni sull’azienda e su di noi che in quel momento la rappresentiamo.

Cosa cambia davvero, dunque?

Ciò che cambia davvero nei colloqui di assunzione da remoto è la relazione con l’altra persona. Oltre a prepararci come abbiamo sempre fatto, studiando il CV e la documentazione, è bene pensare che aspetti come il tono della nostra voce per esempio, in videochat assumono molta rilevanza per la buona riuscita del colloquio. Inoltre, fare pause più lunghe del solito, fa sì che, qualora ci sia un ritardo nella connessione, la persona possa comprendere e, in caso, inserirsi nel discorso;.

Anche se a distanza, il nostro obiettivo resta quello di far emergere nella persona le qualità che stiamo cercando: e, quando le troviamo, portarla a bordo.


 

Per concludere, le conferenze virtuali giocheranno senza dubbio un ruolo significativo nel futuro del business di molti settori. E tu, cosa ne pensi?

 

Faccelo sapere!